Le piccole 

FURIE ROSSE 

sono la terza forza

della regione.

prima semifinale  16/06/18

GS MINORI                       32

 POL. BATTIPAGLIESE     52     6-8  11-20  10-15  7-11

 

finale 3 e 4 posto  17/06/18

GS MINORI                       66

 OPEN BASKET                 59     6-16  21-14  15-13  13-12

OVERTIME 11-4

 

LA CRONACA DEL COACH  

a cura di M.Apicella

Due serate indimenticabili nella bella struttura di Pontecagnano dove si sono disputate le final four regionali Under 14.

Il G.s Minori veniva dalla vittoria incredibile che resterà in ogni cuore di chi  l’ha vissuta contro la Cestistica Napoli. I ragazzi minoresi così centravano un traguardo impensabile all’inizio dell’anno dopo aver vinto la scorsa stagione il trofeo regionale nella categoria silver.

Nella prima semifinale contro Battipaglia i ragazzi della Costa arrivavano purtroppo con un roster limitato di nove ragazzi e con Mammato appena guarito ma ancora convalescente da una febbre che l’ho avevo colpito in settimana senza fargli disputare l’ultimo allenamento.

Infatti contro i battipagliesi assistevamo ad una partita brutta dove le squadre erano contratte e non esprimevano una pallacanestro piacevole. Il G.S subiva come accaduto di frequente quest’anno alcuni errori arbitrali, che decimavano ancora di più la propria squadra con l’uscita di cinque falli di DI Lieto e D’Uva e con la fermata negli ultimi cinque minuti di Mammato che non riusciva a continuare la partita.

Nonostante questo se avessero realizzato i numerosi tiri liberi assegnati sarebbero stati in partita fino all’ultimo, risultato finale 52 a 32 per i battipagliesi. Nell’altra seminale i grandi favoriti della Pallacanestro Picentia di Pontecagnano padroni di casa battevano l’Open Basket.

Ieri sera quindi finalina per il terzo posto tra G.S Minori Costa dìAmalfi e l’Open Basket Salerno.

Dopo essere stata sconfitta per ben due volte nella stagione regolare di 36 punti e 30 punti in casa, il G.S Minori sembrava destinato al quarto posto, risultato in ogni caso eccezionale.

Ma chi pensa questo non conosce le piccole “furie rosse” che hanno realizzato l’ennesimo capolavoro in una partita al cardiopalma dove le emozioni sono state incredibili fin all’ultimo secondo dopo solo un over time.

Coach Apicella coadiuvato dal generoso e insostituibile Vincenzo Ruocco schierava il solito quintetto composto dai fratelli Proto, Mammato, D’Uva e Di Lieto.

Inizio difficile per i minoresi che subivano come al solito il capitano Vitale del Open giocatore di categoria superiore quasi immarcabile, ma Alessio Proto con l’aiuto dei compagni lo limitava abbastanza tenendo la squadra in partita anche se lo scarto del primo periodo non era una buona premessa l’Open Basket chiudeva di dieci avanti 16 a 6.

Nel secondo periodo i ragazzi della Costa non ci stavano e complice anche la seduta in panchina di Vitale recuperavano lo scarto vincendo il periodo di sette punti e chiudendo all’intervallo sotto solo di tre punti 30 a 27 per i salernitani.

Nel terzo periodo a sorpresa coach Esposito schierava una zona 3-2 che i ragazzi minoresi attaccavano egregiamente senza nessuna difficoltà la partita scorreva bellissima con un agonismo impressionante dove il G.S non ci stava a perdere recuperando altri due faticosissimi punti.

Nel quarto periodo avveniva di tutto, tutta la squadra dava il suo contributo anche i più piccoli Fusco e Gambardella giocavano con la sicurezza dei veterani, a 3 minuti e 45 secondi il G.S era avanti di sette punti e aveva saldamente in mano la partita, ma non aveva fatto i conti con Vitale che con due “bombe” consecutive da tre con una freddezza imbarazzante portava la sua squadra a d un solo punto di distacco, nell’azione successiva il G.S non riusciva a segnare e purtroppo commetteva un fallo a 3 secondi dalla fine che portava Vitale per i due tiri liberi decisivi. Il primo lo segnava ma il secondo fortunatamente lo sbagliava, suonava la sirena Over time 55 pari.

Nell’ over time I ragazzi minoresi si superavano giocando freschi mentalmente come se avessero iniziato da poco la partita tutti andavano a canestro dimostrando che loro erano una vera squadra dove tutti e nove ragazzi presenti avevano contributo a questa vittoria incredibile, riscattando la partita del giorno prima e dimostrando a tutti che non erano lì per caso e che non erano inferiori a nessuna delle squadre presenti, alla fine risultato finale 66 a  59 per i ragazzi della Costa. A fine partita in un tripudio generale Coach Apicella commentava “Non ho parole, questi ragazzi sorprendono anche me che credo ciecamente in loro, conoscendoli oramai da due anni. Sono stati due anni meravigliosi, quest’anno si chiude con una vittoria incredibile contro una squadra che nel corso dell’anno ci aveva battuto con grande facilità. Questi ragazzi sono intelligenti e giocano una buona pallacanestro, ma attraggono tante simpatie dagli addetti ai lavori per il grande cuore che mettono sempre nelle loro partite, non arrendendosi mai credendoci fino alla fine contro ogni pronostico. Mi hanno regalato successi che nei miei trentotto anni di carriera non avevo mai raggiunto.

 

Grazie a loro, a Vincenzo Ruocco collaboratore insostituibile, alla società, ma soprattutto ai tifosi-genitori che tra trombette e tamburi non hanno mai smesso di fare il tifo per i loro ragazzi, sostenendoli sempre anche nei momenti di difficoltà e la foto fatta tutti insieme felici alla fine della partita la porterò sempre nel mio cuore, siamo già ponti per il prossimo anno, per divertirci ancora e aiutare a crescere questi splendidi ragazzi” Nella finale I grandi favoriti della Pallacanestro Picenzia di Pontecagnano battevano 60 a 48 Battipaglia diventando meritatamente senza nessuna sconfitta nel anno agonistico campioni regionali, in un trofeo dove per la prima volta arrivavano solo squadre salernitane nei primi quattro posti.







 Un eroe dei nostri

tempi...

Don Luigi Merola

Don Luigi Merola ha incontrato tutte le associazioni Minoresi nella Tensostruttura. E’ stata una serata bella e diversa dove Don Luigi è stato l’autentico mattatore con la sua semplicità e gentilezza d’animo. Ha dialogato soprattutto con i giovani esortandoli, spronandoli e punzecchiandoli. Li ha esortati a stare lontano dalla droga e tutto ciò a cui essa è legata perché è morte. Li ha spronati a dare il massimo nello studio ed in tutto ciò che possono rappresentare nelle proprie associazioni. Li ha punzecchiati a non guardarsi intorno, ma a FARE per coloro che hanno intorno, impegnandosi nel sociale ed a vivere la propria vita al massimo mettendola anche al servizio della comunità.

Una persona eccezionale Don Luigi, coraggioso e combattente affinché il bene possa sempre prevalere sulle ambiguità che la vita ci riserva. Avercene di persone come Lui!!!

Per noi presenti è stato un onore oltre che un piacere stare in compagnia delle sue parole e delle sue intenzioni. Abbiamo incontrato una grande Persona che ci porteremo dentro e che spero potremo spesso prenderla d’esempio.

 

Non si stanchi di lottare Don Luigi e torni quando può a Minori ed in costiera…grazie di TUTTO.